La Mediazione Familiare si rivolge alle coppie che affrontano momenti di bassa o alta conflittualità  e si adatta alle diverse tipologie di coppie e alle differenti tappe della crisi:

  • nei momenti di alta o bassa conflittualità quando la crisi è presente ed entrambi i partners non sanno qual è il percorso opportuno da intraprendere;
  • quando uno dei due partner è deciso per la separazione e l’altro non riesce ad accettarlo;
  • quando la decisione di separarsi è chiara per entrambi;
  • nelle coppie separate di fatto, nella quali è ancora in essere il conflitto e per le quali sia necessaria una gestione dei livelli di rabbia per poter proseguire nella ricomposizione della vita delle parti, sia da un punto di vista economico che organizzativo dei tempi e degli spazi per se stessi e per i figli;
  • nelle coppie separate legalmente, quando le condizioni di separazione non sono rispettate, provocando livelli di conflitto nocivi per il benessere di tutte le parti coinvolte;
  • nelle coppie separate da tempo o divorziate , nel momento in cui gli accordi presi in Tribunale, anche se efficienti per un periodo della propria vita, creano momenti di squilibrio e conflitto, poiché non sono più funzionali alla famiglia che con il passare del tempo ha mutato le proprie condizioni di vita, che necessitano di una riformulazione degli accordi. 
f t g